Star

 

 

ALLORA

Administrative and Legal LexicOn of Romance-speaking European Areas (1150–1750). Words and things in an interconnected political and cultural space

Responsabile
Francesco Senatore
Bando Linea 1 – 2020
Importo finanziato  € 101.800
Staff Giancarlo Abbamonte, Francesco Montuori (Napoli Federico II), Dario Luongo (Napoli Parthenope),
Board

 

Bianca De Divitiis (Napoli Federico II), Dante Fedele (Lille), Eleni Sakellariou (Creta)
Durata 15.02.2022-14.02.2024
La ricerca prevede questi risultati: 1. presentazione di un progetto competitivo ERC o analogo (advanced researcher); 2. pubblicazione di un volume ad accesso aperto con saggi di taglio metodologico e tre voci-prototipo di un lessico amministrativo, multilingue e onomasiologico dell’Europa romanza fra 1150 and 1750 (ALLORA). Multilingue perché esso riguarda il latino e le lingue da esso derivate (francese, occitanico, spagnolo, catalano, portoghese e italiano). Onomasiologico perché si occupa delle parole e dei loro referenti, con l’obiettivo di indagare sui caratteri unitari della vita politica e culturale dell’Europa attraverso il linguaggio amministrativo e giuridico e i referenti reali (istituzioni, procedure e oggetti).

The outcomes of the research are: 1. A proposal for an ERC advanced-grant project or an alternative competitive tender; 2. An open-access publication of a volume with papers on methodological issues and three prototype entries for a multilingual, onomasiological, administrative and legal lexicon of Romance-speaking Europe between 1150 and 1750 (ALLORA). The lexicon will be multilingual for it will cover Latin and languages derived from Latin (French, Occitan, Spanish, Catalan, Portuguese and Italian). It will be an onomasiological lexicon in that it addresses both words and the entities that they refer to, capturing the unitary nature of the political and cultural life of Europe in terms of its administrative and legal language and of the actual referents: institutions, procedures and objects.

 

DECIvE. DEaling with the Collective Interest in early modern Europe.A comparative analysis of urban water supplies administration in Southern Italy and France (17th-18th centuries)

Responsabile
CARNEVALE Diego
Bando Linea 1 – 2017
Importo finanziato  € 105.000
Il progetto DECIvE intende comprendere in che modo le società urbane in età moderna amministravano le risorse considerate di interesse collettivo. Si tratta di un tema spesso studiato in modo statico, focalizzando l’attenzione su singole istituzioni o sulla sola elaborazione intellettuale. Al contrario, DECIvE si propone quale ampia indagine empirica sui fondamenti, l’organizzazione e le attività create intorno al problema di gestire l’approvvigionamento idrico nei contesti urbani. Studiare la risorsa idrica offre l’opportunità di affrontare numerose questioni cruciali quali l’alimentazione, l’igiene, l’allevamento, l’agricoltura, e i processi produttivi. In che modo tali questioni competevano nella definizione delle priorità locali? Quali attori influenzavano maggiormente questo processo? In quale maniera essi organizzavano lo sfruttamento della risorsa e con quali risultati sul medio-lungo termine? I casi di studio selezionati per rispondere a questi interrogativi sono Parigi, Napoli, Palermo e Marsiglia, in un arco di tempo compreso tra l’inizio del XVII secolo fino al 1790.

The DECIvE project aims to know how early modern urban societies managed resources considered of collective interest. Scholars rarely studied the topic in a comprehensive manner and they often analyse it in a static way, paying attention to a single authority or to the intellectual elaboration. On the contrary, DECIvE is a deep empirical enquiry on the fundamentals, the organisations and the activities created to manage water supplies in urban contexts. Studying water resources offers the opportunity to engage, at the same time, in numerous crucial issues, such as alimentation, hygiene, agriculture, breeding and manufacturing processes. How did these different factors compete in the definition of local priorities? Which actors most influenced this process? How did they organise the exploitation of the resource and which outcomes did they attain in the medium-long term? Four case studies will be examined, from the beginning of the 17th century to the 1790s: Paris, Naples, Palermo, and Marseille.

 

 

 

INDevelopment – Center and Peripheries in the Late

Responsabile
NAPPO Dario
Bando Linea 1 – 2017
Importo finanziato  € 100.000
The main topic of the INDevelopment overall project is related to the issue of the actual level of development of the economy of the Roman Empire. Building on several decades of works on the matter, the project aims to offer a completely new approach. It focuses on the Eastern Empire during late antiquity, namely on the provinces which experienced some periods of administrative independence. The idea is to check, when possible, whether the economic development and performances of some regions increased or decreased, during the period of time when their ties to the empire were looser.In other words, the project aims to verify whether it might exist a direct or inverse relation between administrative independence and economic development. The final output of the project aims to add to the general scholarship on the ancient economy, opening a new path to the study of a complex economic pre-industrial phenomenon, such as the Roman Empire.

 

 

Tales of four cities

Responsabile
PALMIERI Pasquale
Bando Linea 1 – 2017
Importo finanziato  € 95.000
 This research proposal intends to focus on the narratives of extraordinary events circulating in Naples, Rome, Florence and Venice from the end of the 16th century until the end of the 18th century. The four cities were at the centre of a dense network of relationships between northern and southern Europe, western and eastern Mediterranean, Africa, Asia and beyond. They were crossroads of cultures and religious beliefs: the presence of merchants, consuls, diplomats, spies, slaves favored the spread of news and legends, sometimes deeply interconnected with the invention of fake identities, of real and imagined political enemies. A variety of primary sources will be analyzed, including the so called “avvisi/relazioni/ragguagli”, criminal/scandal reports, forensic arguments, pamphlets, abiurations, conversion narratives, libels, letters, travel accounts, short stories and memoirs, in printed or manuscript version. These texts deal with natural disasters, battles, wars, travels, religious missions, conversions, migrations, slavery, purported miracles, unexplained healings, murders and executions. They fall exactly halfway between documented chronicle and fiction. They were addressed to audiences from a variety of cultural backgrounds. They play a crucial role in the urban context, in the creation and dissemination of urban legends and in the organization of urban public space. Through an interdisciplinary methodology and a comparative perspective, the research group will focus on a crucial aspect of political communication, sensitive to the mutual connection between official information and rumors, print culture and whispering voices, secrecy and propaganda. Written as they were by people from different social environments (bureaucrats or “professional” writers, legates, clerics, lawyers, soldiers, artisans), these texts offer testimonials to the movement of words, metaphors, themes, images, and cultural practices that shift from elite to popular culture and vice-versa.

 

PICAS. Cultural Networks between the Mediterranean and the Atlantic. Language, Society, Identity across Three Centuries of Mexican Colonialism from the Pignatelli Aragona Cortés Archive in Naples

Responsabile
SCARPATI Oriana
Bando Linea 1 – 2016
Importo finanziato 93.000 €
Il progetto PICAS (Cultural Networks between the Mediterranean and the Atlantic. Language, Society, Identity across Three Centuries of Mexican Colonialism from the Pignatelli Aragona Cortés Archive in Naples) intende fornire un’edizione filologica e una descrizione linguistica e storica del prezioso nucleo, sostanzialmente inesplorato, dei documenti dei secoli XVI, XVII, XVIII relativi ai possedimenti in Messico della famiglia Pignatelli Aragona Cortés conservato all’Archivio di Stato di Napoli. Tutto il materiale studiato sarà di volta in volta pubblicato e reso disponibile alla comunità scientifica sul PICAS database.

 

IMPRONTE. Breast Cancer Women: Innovative Model for Processing Traumatic Experience

Responsabile
MARTINO Maria Luisa
Bando Linea 1 – 2016
Importo finanziato 96.000 €
L’insorgenza di un tumore al seno in età precoce si configura come un’esperienza traumatica che rischia di destabilizzare la qualità della vita delle donne anche a distanza di anni dal termine delle cure. IMPRONTE vuole riempire innovativamente un gap scientifico studiando la narrazione, e gli indicatori dei processi di meaning-making da essa mediati, come dispositivo che promuove un processo di elaborazione diacronico all’iter della malattia e delle cure. Tale ricerca condurrà alla costruzione di una mappa del flusso diacronico di funzionamento del processo di elaborazione narrativa dell’esperienza (Diachronic flow of Illness Narrative Elaboration Markers – DINEM).

 

Disasters, Communication and Politics in South-Western Europe: the Making of Emergency Response Policies in the Early Modern Age

Responsabile
CECERE Domenico
Bando Linea 1 – 2016
Importo finanziato 94.000 €
Il progetto Disasters, Communication and Politics in South-Western Europe indaga le connessioni tra la circolazione di notizie di eventi naturali estremi, l’elaborazione e l’uso di memorie individuali e collettive di tali eventi e lo sviluppo di politiche di gestione dell’emergenza e di ricostruzione. L’indagine prende in esame quattro territori appartenenti alla Monarchia ispanica tra XVI e XVIII secolo, considerandoli come spazi di circolazione e condivisione di informazioni, esperienze, saperi e pratiche di governo. Grazie all’incrocio di diverse prospettive disciplinari – dalla storia sociale e culturale alla critica testuale, dall’antropologia all’ecologia storica – il progetto ambisce ad ampliare le nostre conoscenze sui modi in cui determinate letture dei disastri naturali influirono sulle relazioni sociali e sulle strutture di potere nelle società europee di antico regime.

 

TRANS-IT UK. Transnational migrations: the case of Italians in the UK

Responsabile
DI SALVO Margherita
Bando Linea 1 – 2016
Importo finanziato 80.000 €
Il progetto “TRANS-IT UK. Transnational migrations: the case of Italians in the UK” analizza le dinamiche del contatto linguistico e culturale dei migranti italiani in Inghilterra e dei rientrati nelle zone dell’esodo, con il duplice obiettivo di descrivere, secondo un’impostazione sociolinguistica, la perdita e il mantenimento dell’italiano, e di individuare specifiche politiche linguistiche per gli italiani in Inghilterra all’epoca della Brexit.

 

 

RiFORMa. Water on the Edge: Rivers and Frontiers of the Roman Empire Mapping Project

Responsabile
PALERMO Rocco
Bando Linea 1 – 2014
Il progetto RiFORMa (Rivers and Frontiers of the Roman Empire Mapping Project) esplora la complessità ambientale e sociale delle aree di frontiera fluviali dell’impero Romano. La ricerca si basa sulla mappatura di tre aree studio: Reno, Danubio e Eufrate/Tigri. L’indagine si pone l’obiettivo di analizzare le dinamiche insediative, il controllo politico-militare e l’impatto economico di Roma in precise zone periferiche  dell’impero, con particolare riferimento al paesaggio archeologico, all’ecologia e alle interazioni culturali.

 

Illuminated Dante Project. A digital archive of the earliest illuminated manuscripts of the Divine Comedy

Responsabile
FERRANTE Rino
Bando Linea 1 – 2014
Illuminated Dante Project (IDP) punta a creare il più esaustivo archivio digitale di antichi manoscritti illustrati della Commedia di Dante (XIV e XV secolo) associato a un database interrogabile su base codicologica, paleografica, stilistica e iconografica. Il progetto, nato in un contesto di studio dell’esegesi del poema dantesco anche attraverso l’apparato illustrativo, si propone di fornire su un dominio web dell’Università “Federico II” di Napoli l’accesso gratuito alla riproduzione integrale e ad alta risoluzione di un corpus di circa 300 codici miniati della Commedia, nonché la possibilità di confrontare e studiare le illustrazioni attraverso un articolato database chiamato appunto IDP.

 

The Family Novel. Intergenerational Novels, Family Memoirs, Changing Society in Changing Fiction Forms. New Approaches to the Family Novel in European and American Literature from 1950 to 2010

Responsabile
ABIGNENTE Elisabetta
Bando Linea 1 – 2014
Il progetto The Family Novel indaga le caratteristiche formali e i principali sviluppi del romanzo familiare nella letteratura della seconda metà del Novecento (1950-2010) di area europea e americana. Obiettivo del progetto è la costruzione un nuovo modello per lo studio di questo specifico sottogenere romanzesco, partendo dall’ipotesi che il mutamento di modelli familiari che si è prodotto negli ultimi decenni abbia dato vita anche a nuove forme di finzione nelle quali narrare la storia familiare.

 

 

Disaster Texts. Literacy, Cultural Identity, Coping Strategies in Southern Italy between the Late Medieval and the Early Modern Period

Responsabile
DE CAPRIO Chiara
Bando Linea 1 – 2013
Il progetto si è posto l’obiettivo generale di contribuire ad una ricostruzione storica delle modalità di narrazione dei disastri nel Regno di Napoli tra tardo Medioevo ed Età Moderna. In tal modo, si è ambito a comprendere attraverso quali “risorse culturali” il Regno di Napoli abbia affrontato e gestito gli effetti, materiali e morali, di eventi disastrosi. Nel raggiungere i suoi obiettivi Disaster Texts ha inteso fornire conoscenze e strumenti per l’analisi della rappresentazione narrativa dei disastri. Il progetto è stato coordinato da Chiara De Caprio  ed è stato condotto da un gruppo di ricerca composto da italianisti e ispanisti, storici dell’età medievale e moderna, filologi e storici della lingua italiana afferenti in gran parte al Dipartimento di Studi Umanistici della Federico II.

La sezione Ricerca del sito del DSU è curata dalla Dott.ssa Anna Rosa Donizzetti. Inviare eventuali segnalazioni a: donizzet@unina.it